Primo Piano

“Senza blocco dei licenziamenti in Irpinia 8mila esuberi. Rischia anche Solofra”

L’emergenza economica e sociale. “Se non sarà prorogato il blocco dei licenziamenti, in Irpinia si conteranno circa 8mila esuberi. Un dramma nel dramma che non potremo sopportare”.

Un vaccino val bene un titolo in prima pagina!

Davvero c'è qualcuno che è rimasto sorpreso perchè il governatore Vincenzo De Luca ha saltato la fila nella giornata europea dedicata alla somministrazione del vaccino anti-covid al personale sanitario? Davvero? Nonostante mesi di dirette facebook nelle quali De Luca evocava lanciafiamme ed apostrofava i cittadini riluttanti ad adeguarsi ai divieti imposti dal coronavirus con frasi tipo : "conteremo i morti e rischiamo di non avere posti per ospitare i vostri padri e le vostre madri" (Ansa 20 marzo 2020). Veramente c'è qualcuno che è rimasto sorpreso dopo mesi di una gestione politica di una emergenza sanitaria improntata al leitmotiv "la Campania è virtuosa il resto d'Italia no". Per non parlare dei costanti attacchi al Governo centrale che nella migliore delle ipotesi si limitava a scimmiottare provvedimenti già adottati tempo prima dalla Regione Campania. No, che ieri il governatore si sia fatto vaccinare c'è poco da restare sorpresi. A muovere l'inquilino di palazzo Santa Lucia, però, non la volontà di "dare il buon esempio" come qualche consigliere regionale irpino si è affrettato a dire. E come lo stesso De Luca in una nota ha provato a spiegare “occorre una prova straordinaria di responsabilità e di impegno della nostra regione dando tutti quanti l'esempio e superando ogni residuo dubbio". Quello di De Luca è stato il tentativo di occupare la scena mediatica anche quando i protagonisti avrebbero dovuto essere medici, infermieri e personale sanitario in genere che da mesi sono impegnati nella lotta al coronavirus. Gli stessi medici ai quali il governatore in una delle "solite" diretta facebook aveva senza mezzi termini dato dei "farabutti" (Il Tempo) .
Un tentativo riuscito, a dire il vero, quello di De Luca vista l'attenzione dei media nazionale, proprio come ai tempi del lanciafiamme. E del vaccino del governatore non è rimasta sorpresa nemmeno la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, intervenuta ad 'Agorà' su Rai 3, che spiega: "certamente non ha rispettato i criteri indicati dal ministero della Salute. Non è la prima volta che non le rispetta, o ritiene che le indicazioni fornite da ministero e Governo non siano di suo gradimento".

amazon