amazon

Primo Piano

"Landolfi", ricorso al Tar: Avellino con Solofra

Ospedale "Landolfi", il comune di Avellino si è unito a quello di Solofra nel ricorso al Tar per impugnare la delibera regionale che ha rimodulato i servizi del nosocomio della cittadina conciaria. A renderlo noto il sindaco del comune capoluogo Gianluca Festa. L’avvocato Marcello Fortunato

amazon

Il 2 giugno 1946 nasceva la Repubblica. Ma Solofra e l'Irpinia scelsero la Monarchia

2 giugno 1946, nasce la Repubblica Italiana.
Al Referendum per la scelta tra Monarchia e Repubblica però Solofra - come l'Irpinia ed il Sud - scelsero la Monarchia.
Nella cittadina conciaria il 78% degli elettori si espresse a favore della monarchia.


Tuttavia il 22% dei voti a favore della repubblica e la percentuale, intorno al 20%, raggiunta dal PSIUP-PC alla Costituente, confermarono la permanenza nella società solofrana di un nocciolo progressista che si richiamava alla importante esperienza socialista d’inizio secolo, che aveva raggiunto la sua massima espressione intorno agli anni venti quando Solofra era stata governata dal socialista Vincenzo Napoli, confluito, dopo la scissione di Livorno (1921) nel partito comunista, e la vicina S. Agata Irpina, allora comune a sé, dai socialisti capeggiati da Antonio Famiglietti.

A livello nazionale il risultato del referendum, a cui per la prima volta parteciparono anche le donne: 12.718.641 votarono a favore della Repubblica, 10.718.502 per la Monarchia, mentre 1.498.136 furono le schede fra nulle e bianche.
Fu un cambiamento enorme, che pose fine al Regno d’Italia che per 85 anni era stato governato dalla famiglia reale dei Savoia.