Primo Piano

Vaccino anticovid, 10mila dosi inoculate grazie a Confindustria ed alle aziende - anche solofrane -

(COMUNICATO STAMPA) Lo scorso marzo Confindustria nazionale ha avviato un’ indagine per individuare le imprese pronte a diventare “fabbriche di comunità” quindi idonee per ospitare siti vaccinali. Confindustria Avellino si è attivata prontamente ed ha iniziato a prendere i primi contatti con Maria Morgante, direttore generale dell’Asl, per conoscere le modalità operative di svolgimento della campagna vaccinale nel rispetto delle prescrizioni sanitarie e per essere preparati ed organizzati non appena sarebbe stato possibile iniziare le vaccinazioni.

Acqua nera dal DG17, ennesima rottura nella rete fognaria industriale

Rete fognaria industriale ancora sotto accusa a Solofra. Qualche giorno fa dal DG17 - uno dei canali per il deflusso delle acque di piazzale (acqua piovana) che attraversano il distretto conciario solofrano - era venuta fuori acqua nera. Tanto è bastato per avviare i controlli che hanno visto impegnati Polizia municipale, Carabinieri, Arpac, Codiso.
Le verifiche hanno consentito di appurare che quello sversamento nella rete pluviale era stato provocato da una rottura nella rete che raccoglie le acque reflue conciarie e le indirizza all'impianto di depurazione. La falla è stata riparata. Resta il problema di una rete fognaria industriale che mostra la corda. Il sindaco di Solofra Michele Vignola ha posto la questione al tavolo promosso dal Ministero dell'Ambiente per la redazione di un masterplan per il disinquinamento e risanamento del fiume Sarno e dei suoi affluenti. Insomma c'è da attendere.
Solofra ha però già avuto l'opportunità di mettere mano alla rete fognaria, attraverso il necessario coinvolgimento della Regione Campania - proprietaria delle reti e dell'impianto di depurazione industriale - con i fondi per l'accelerazione della spesa. Il comune conciario però puntò sulla realizzazione di un parcheggio interrato in piazza Marello. Il parcheggio non ha mai visto la luce. Ed i finanziamenti sono restati lettera morta anche per gli altri progetti indicati da palazzo Orsini. Insomma occasione sprecata.
Ora bisognerà sperare nel masterplan. Anche in questo caso sarà necessario attivarsi per tempo per fare pressione sulla Regione affinchè si decida ad investire sull'ammodernamento della rete fognaria industriale come pure dell'impianto di depurazioen

amazon