amazon

Primo Piano

"Landolfi", ricorso al Tar: Avellino con Solofra

Ospedale "Landolfi", il comune di Avellino si è unito a quello di Solofra nel ricorso al Tar per impugnare la delibera regionale che ha rimodulato i servizi del nosocomio della cittadina conciaria. A renderlo noto il sindaco del comune capoluogo Gianluca Festa. L’avvocato Marcello Fortunato

amazon

La Primaria di S. Agata nel piano regionale, per la nuova scuola però bisogna ancora attendere


La scuola primaria di S. Agata irpina anche per quest'anno scolastico resterà chiusa. I cancelli del plesso scolastico di via Cortine si chiusero nel 2017. La scuola non era sicura. C'era la necessità di mettere mano a degli interventi di adeguamento sismico. Gli alunni traslocarono nel plesso scolastico della frazione S. Andrea Irpina.
Ora l'intervento di adeguamento della scuola solofrana alla normativa antisismica è stato inserito nel piano triennale dell'edilizia scolastica redatto dalla Regione Campania.

In linea con quanto prevede il decreto congiunto di Ministero Economia e Finanza (MEF), Ministero Istruzione Università e Ricerca (MIUR) e Ministro Infrastrutture e Trasporti (MIT) ora entro il mese di ottobre 2018 il MIUR approverà con proprio decreto la “Programmazione unica nazionale degli interventi per l’edilizia scolastica” e ripartirà tra le Regioni le risorse disponibili.
L'istanza di Solofra è stata inserita tra le proposte ammissibili a finanziamento al 96° posto in graduatoria su 361 istanze ammesse. L'importo richiesto: 1 milione e seicentomila euro.
Tornando alla procedura. Entro il 30 dicembre 2018 dall’avvenuta adozione della Programmazione unica nazionale, con decreto interministeriale, è autorizzato l’utilizzo delle risorse e gli enti locali beneficiari dei finanziamenti sono autorizzati ad avviare le procedure di gare, con pubblicazione del relativo bando, ovvero ad affidare i lavori; ed entro 365 giorni (30 dicembre 2019) dalla pubblicazione del decreto MIUR, di concerto con MEF e MIT, che autorizza all’utilizzo delle risorse, gli enti locali devono giungere alla proposta di aggiudicazione, pena la revoca del finanziamento.
I cittadini di S. Agata irpina insomma sorridono a metà. Da un lato potranno contare su un nuovo edificio scolastico.
Dall'altro i piccoli alunni dovranno attendere ancora per ritrovare la scuola nella loro frazione.