Primo Piano

Vaccino anticovid, 10mila dosi inoculate grazie a Confindustria ed alle aziende - anche solofrane -

(COMUNICATO STAMPA) Lo scorso marzo Confindustria nazionale ha avviato un’ indagine per individuare le imprese pronte a diventare “fabbriche di comunità” quindi idonee per ospitare siti vaccinali. Confindustria Avellino si è attivata prontamente ed ha iniziato a prendere i primi contatti con Maria Morgante, direttore generale dell’Asl, per conoscere le modalità operative di svolgimento della campagna vaccinale nel rispetto delle prescrizioni sanitarie e per essere preparati ed organizzati non appena sarebbe stato possibile iniziare le vaccinazioni.

Atto aziendale Asl ed ospedali, la Morgante: "Dai sindaci zero proposte altro che confronto !"

Maria Morgante - Asl
La Morgante, direttore generale Asl Avellino, non ci sta a fare la parte della cattiva ed a chi la accusa di fuggire davanti al dialogo replica: “Per ben tre volte, nella prima, nella seconda e nella terza stesura, l’Atto Aziendale è stato trasmesso a tutti i sindaci prima della sua formulazione finale. Mai nessuna proposta riorganizzativa o di diversificazione dei servizi, ampliamento, riduzione, rimodulazione o differente allocazione territoriale degli stessi, è pervenuta da parte dei Sindaci; le uniche due richieste pervenute dai Sindaci di Solofra e di Sant’Angelo dei Lombardi riguardavano la trasformazione rispettivamente delle Unità Operative di Ortopedia e Chirurgia, regolarmente previste, da Unità Operative Dipartimentali a Unità Operative Complesse. Ma è evidente che queste richieste fossero di tutt’altra natura. È singolare che nessuno ti ponga questioni quando le solleciti e che poi si organizzino dibattiti ai quali non vieni invitata. Viene da domandarsi a che cosa servano”.“Nel corso degli incontri avuti con i Sindaci di Solofra e di Sant’Angelo dei Lombardi è stato fatto il punto della situazione sulla Sanità Irpina e sull’Atto Aziendale, sottolineando che quest’ultimo è stato redatto nel rispetto delle indicazioni della Regione Campania, che, infatti, lo ha approvato. Lo stesso Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha ricordato che la Regione è commissariata, sottolineando che per l’organizzazione ospedaliera siamo obbligati a rispettare vincoli di bilancio e vincoli normativi. – afferma il Direttore dell’Asl – L’Atto Aziendale approvato dalla Regione è stato redatto nel rispetto di tali vincoli, riorganizzando la rete ospedaliera in considerazione delle peculiarità dei singoli presidi con l’obiettivo di non penalizzare nessuno ma di lavorare sulle potenzialità di ogni ospedale. Ora che l’Atto Aziendale è stato approvato, siamo al lavoro per il potenziamento delle strutture interne e per intervenire anche sui blocchi ospedalieri. Mi sento, inoltre, di ribadire alla cittadinanza che i servizi non sono stato tagliati, anzi, sono state previste nuove Unità Operative“. “Si confida che, al più presto, il sindaco di Avellino, Paolo Foti, che presiede l’organismo, provveda a costituire il Comitato di Rappresentanza dei Sindaci, – conclude la manager – considerato luogo naturale e necessario a supportare la Direzione di questa Azienda per una migliore e più puntuale conoscenza delle problematiche sanitarie ed anche sociali del territorio e fornire risposte ancor più adeguate alle esigenze della popolazione”.

amazon