amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

VIDEO - Solofra, crisi idrica: ok al pozzo di località Scorza

Pozzo Scorza, Solofra
Fumata bianca questa mattina in Prefettura ad Avellino per la risoluzione dell'emergenza idrica a Solofra. Al centro della discussione la procedura per l'utilizzo delle acque emunte dal nuovo pozzo di località Scorza. La normativa prevede quattro prelievi per testare la qualità dell'acqua. L'Asl Avellino ne ha già effettuati due. Il comune di Solofra ha chiesto una accelerazione. Un sostegno forte alle richieste di palazzo Orsini è venuto dall'Istituto superiore di sanità questa mattina rappresentato al tavolo dal dottore Luca Lucentini direttore del reparto igiene delle acque interne.
“La notizia importante è che c'è acqua e dalle osservazioni parziali da avvalorare in via definitiva, spiega Lucentini, si tratta di acqua di buona qualità e quindi c'è disponibilità idrica. E' importante approfondire le valutazioni di rischio prima di mettere in circolazione questa acqua e questo verrà fatto con una collaborazione di tutti gli organi territoriali preposti ai controlli”. E sui tempi di attivazione del pozzo: “Si stanno muovendo tutti. La prima esigenza è dare acqua di buona qualità”. Soddisfatto il sindaco di Solofra Michele Vignola: “l'Istituto Superiore di Sanità farà pervenire un parere nel giro di una settimana, dieci giorni. Ci sono le condizioni per poter rilasciare già un certificato di idoneità per le acque emunte dal pozzo S. Francesco seppure provvisorio. Poi ci sarà qello definitivo perchè si faranno comunque i prelievi stagionali previsti dalla norma. Nell'immedito comunque è possibile mettere in esercizio il pozzo S. Francesco”. Dal punto di vista operativo ora bisognerà attendere il parere dell'Istituto Superiore della Sanità e l'ispezione al pozzo da parte dell'Asl. Il tavolo si riaggiornerà non appena questi passaggi saranno ultimati. Il lasso di tempo preventivato è di una quindicina di giorni. “Si va, conclude Vignola, alla messa in esercizio del pozzo S. Francesco