amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Solofra: Crisi idrica. Domani il tavolo in Prefettura per il nuovo pozzo

Acqua, Solofra
Emergenza idrica a Solofra, domani in Prefettura si riunisce il tavolo tecnico. All'appuntamento l'Istituto Superiore della Sanità, la Regione Campania, l'Autorità di Bacino, la Provincia di Avellino, l'Ato Calore Irpinio, l'Asl di Avellino ed ovviamente il comune di Solofra e la Solofra Servizi la municipalizzata che gestisce la rete idrica comunale.


Al centro della discussione il nuovo pozzo idrico di località Scorza e l'iter autorizzativo per l'utilizzo delle acque emunte. Secondo la normativa prima di utilizzare a fini potabili l'acqua di un nuovo pozzo necessitano quattro prelievi per testarne la qualità. L'Asl ne ha realizzati due, ne occorrerebbero altri due, l'azienda che ha realizzato il pozzo ha fatto in proprio una serie di analisi. L'obiettivo del comune di Solofra: accelerare la procedura per l'immissione in rete del pozzo Scorza per superare l'emergenza idrica. Secondo  il sindaco Michele Vignola l'attivazione del nuovo pozzo è l'unica via d'uscita alla crisi idrica. Ed ai tanti disagi che stanno patendo i cittadini.