amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

Operazione Domus: Droga da spacciare? Ti aiuta la mamma!

Operazione Domus, conferenza stampa
Lo spaccio di sostanze stupefacenti? Un affare di famiglia. E' uno dei particolari venuto fuori dall'operazione Domus condotta dai carabinieri della Compagnia di Avellino e dai colleghi della stazione di Solofra.
E' stato accertato che i fermati spacciavano in casa con l'ausilio dei familiari. In un caso una madre aiutava il figlio a spacciare, in altre due piazze di spaccio erano due nuclei familiari a spacciare. I militari hanno scoperto e smantellato tre piazze di spaccio nella città di Solofra. Undici le ordinanze di custodia emesse a carico degli interessati, tutti con una età compresa tra i 25 ed il 45 anni. Avevano intessuto una articolata rete di rapporti con persone della provincia di Napoli.  In manette sono finite 5 persone, 3 agli arresti domiciliari, 2 con obbligo di dimora ed 1 persona ha l'obbligo di presentarsi all'autorità giudiziaria. Avellino, Solofra, Montoro, Aiello del Sabato e Torre Annunziata i comuni interessati dall'operazione. L'esecuzione delle undici ordinanze di oggi è l'atto conclusivo di una inchiesta avviata nel 2015 dai carabinieri della stazione di Solofra agli ordini del Luogotenente Giuseppe Friscuolo. I carabinieri avevano individuato alla frazione S. Agata irpina una abitazione meta del pellegrinaggio di alcuni ragazzi. Lo spaccio era curato da un soggetto avellinese detto Stasio o Stanislao. I pusher ricevevano telefonicamente gli ordinativi di droga: cocaina ed hashish. Gli acquirenti  provenivano dall'hinterland ed in particolare dai comuni di Solofra e Montoro.  I militari hanno provveduto a segnalare alla Prefettura una trentina di giovani di modiche quantità di sostanze stupefacenti appena acquistate dai pusher. L'operazione è chiamata “Domus” perché si sviluppa in ambienti domestici. Nella seconda piazza, sempre a Solofra, c'era una coppia a gestire le operazioni di spaccio. La coppia ha anche realizzato un furto in abitazione a Montoro. La terza piazza di spaccio, era specializzata nel trattamento di hashish. Era gestita anche in questo caso da una coppia. Lei faceva da autista e accompagnava il compagno a riforsirsi di cocaina a Torre Annunziata.