amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Occhio alla truffa: in giro finti volontari de "La Casa sulla Roccia"

Casa sulla Roccia, Avellino
A seguito di una segnalazione giunta da un istituto comprensivo della provincia di Avellino, l'Associazione di Volontariato "La Casa sulla Roccia" è venuta a conoscenza di "falsi volontari" che si recano nelle scuole avvicinando studenti con lo scopo di vendere prodotti o manufatti al fine di raccogliere fondi per l'Associazione stessa.
Dal momento che è una truffa che purtroppo periodicamente si ripete, il Presidente del Centro Luigi Vitiello rende noto di «non aver mai autorizzato nessuna persona a raccogliere fondi secondo questa modalità. La Casa sulla Roccia è un Centro di Solidarietà che già da diversi anni ha attivato percorsi di collaborazione con Istituti scolastici del territorio, unicamente finalizzati alla prevenzione e informazione sul disagio giovanile in ogni sua manifestazione. La richiesta di qualsivoglia forma di contributo economico indirizzata direttamente agli studenti e docenti è categoricamente al di fuori dalle modalità di in cui l'associazione si riconosce. Pertanto si ribadisce l'assoluta estraneità dell'Associazione agli episodi verificatisi. Nel prendere le dovute distanze da questa spregevole truffa ed avvisare del pericolo, s'invitano i dirigenti scolastici e la comunità tutta, laddove dovessero riscontrare richieste di raccolta fondi a nome dell'Associazione non preventivamente comunicate e/o autorizzate, d'informare le competenti autorità».