amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

"Solofra, occhio a non ritrovarsi con l'acqua alla gola !"

Acqua
Per la gestione della risorsa idrica, dunque, si andrà a gara ad evidenza europea. Giovanni Colucci, commissario Ato Calore Irpino, ha ammesso senza mezzi termini che "Essendo di fatto decorsi in data 3 giugno 2016 i termini moratori per la costituzione dell’Eic (Ente Idrico Campano), lo scrivente commissario, rientrato nei poteri di ordinaria amministrazione, deve purtroppo prendere atto che i tentativi dei soggetti gestori di pervenire ad una forma aggregativa non hanno portato finora ad un risultato pratico, per una serie di motivazioni che di fatto confermano le difficoltà per le quali fin dalla costituzione dell’Ente d’Ambito non si è potuto dare corso neppure alla previgente attuazione di una gestione unitaria. Per tutto quanto innanzi, lo scrivente ritiene che si debba dare corso a procedure concorsuali per l’individuazione di un soggetto che diventi la parte operativa del Gestore del Sistema Idrico Integrato nel distretto del Calore Irpino". Una nota che Colucci ha inviato, tra gli altri, al Governatore De Luca, all’Anac e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ed a Solofra come stiamo messi? A questa domanda prova a dare una risposta la consigliera Agata Tarantino che sul suo profilo Fb scrive: "E Solofra ?Il nostro sindaco a differenza di tanti altri si è affrettato a portare Solofra ad aderire in fretta all’Eic ,prelevando contemporaneamente,nel silenzio più totale , dalle tasche di ogni cittadino solofrano 50 centesimi a testa ,(questa la quota individuata dalla regione per l’adesione ,50 centesimi per numero di abitanti) Si dirà "ce lo imponeva la legge" …Eppure tanti sindaci Irpini non hanno ancora deliberato . Vignola invece che dice di volere l’acqua pubblica affretta i tempi .. Al sindaco Vignola che rischia di affogare nell’acqua , l’opposizione ha gettato mille ancore di salvataggio ,nell'interesse della città,arrivando a suggerire le strade per tentare ancora la gestione autonoma ,così come consente la legge 28-12-2015.N° 221 – La stessa proposta è stata portata al sindaco da un gruppo di cittadini del M5s .
Pare che a Vignola la proposta piacesse ,tanto da dire, che lui ci aveva già pensato e allora ??????? chi aspetta? Per una volta che su un punto siamo tutti d’accordo perché non procede ?
A tre mesi dalla proposta tutto tace ,Non sono state acquisite le quote private della Irno service ,né ci risulta che siano stati fatti atti successivi alconsiglio in questa direzione e intanto il tempo continua a passare .
Eppure questo è il sindaco a cui abbiamo dato fiducia in virtù del fatto che ha preso impegni sulla gestione pubblica .
Agata Tarantino, Solofra

Eppure questa era l’amministrazione che ha inserito nello statuto comunale il principio Acqua bene comune non di natura economica ,la stessa che aveva previsto di istituire una commissione di controllo composta da cittadini sull’acqua …..
Ha ragione Legambiente quando chiede che fine ha fatto la commissione e l’obbligo di pubblicazione delle analisi .
Questo sindaco ,non solo non ha mai nominato i membri di questa commissione,ma non spiega neanche a qualche suo assessore volenteroso ma SOMARO (che le nomine sono facoltà sindacale ) Anzi si è affretta ad abolirla in uno degli ultimi consigli comunali ,approfittando dell’assenza della minoranza.
Eppure vi racconterà ancora di volere l’acqua pubblica .
La prossima campagna elettorale è prossima .
Addà finì a nuttata diceva Eduardo ,e speriamo che al risveglio non ci si debba ritrovare con l’acqua ,SALATA, alla gola. !"