amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

Provocano un incidente sul Raccordo Sa-Av e scappano. Nei guai due giovani

Polizia
Sono stati rintracciati nella tarda serata di ieri i presunti responsabili dell’incidente stradale che nel tardo pomeriggio di ieri ha paralizzato per ore il Raccordo Salerno Avellino. Si tratta di due cittadini irpini di circa 40 anni, V. A. e F. C. le loro iniziali. Il sinistro stradale si era verificato sulla carreggiata sud del raccordo. Due i veicoli coinvolti. Sul posto gli agenti della Polstrada di Avellino, coordinati da Renato Alfano, che hanno provveduto subito a mettere in sicurezza le persone rimaste ferite nell’incidente. La conducente del mezzo tamponato, infatti, ribaltatosi a seguito dell’urto, era rimasta ferita e gli occupanti del veicolo che aveva causato il sinistro si erano dati alla fuga. Pertanto, dopo aver prestato i dovuti soccorsi, e aver effettuato i rilievi del caso, gli operatori intervenuti si adoperavano per l’identificazione dell’autore del sinistro. Alle ore 22,20, dopo una intensa attività investigativa eseguita dalla Polstrada, veniva individuato e fermato il responsabile del sinistro e la persona che era con lui nell’abitacolo, compartecipe della condotta omissiva. Entrambi venivano opportunamente segnalati all’Autorità Giudiziaria competente per il reato di omissione di soccorso e fuga in caso di incidente stradale. Il conducente indagato veniva sottoposto ai test tossicologici ed alcoolemici per i quali si è in attesa degli esiti degli esami di laboratorio. Allo stesso veniva ritirata la patente di guida per il reato commesso.