amazon

Primo Piano

Pm10 e qualità dell'aria: Montoro e Solofra, che disastro!

Pm10 e qualità dell'aria: Montoro e Solofra, che disastro! A certificarlo sono le centraline della rete Aura che fanno capo all'osservatorio di Montevergine. Molte centraline attivate nell'hinterland avellinese registrano valori di PM10 prossimi o anche superiori a 50 microgrammi su metro cubo.

amazon

Solofra: sexygate: le foto erano vere e non c'è stata diffamazione

Le foto del sexygate
Assolto perchè il fatto non costituisce reato. Il tribunale penale di Avellino, giudice Dott.ssa Matarazzo, si è questa mattina pronunciato in favore di Enzo Clemente. La vicenda è quello dello foto hard al comune di Solofra. E' il mese di ottobre del 2011 quando Clemente, all'epoca dei fatti consigliere comunale di minoranza, a margine di una seduta di consiglio comunale denuncia di aver ricevuto, in forma anonima un plico contenente 33 fotografie che immortalavano l'allora sindaco di Solofra Antonio Guarino mentre era impegnato ad “amoreggiare” con due donne, dipendenti comunali, nelle stanze del Comune.
Nell'immediatezza dei fatti l'ex sindaco di Solofra si difese sostenendo che le fotografie di cui parlava Clemente non esistevano se non nella mente del (ex) consigliere e che nei suoi confronti si stava attuando un vero e proprio killeraggio politico e mediatico. E la risposta di Guarino non si limitò a questo visto che l'allora inquilino di palazzo Orsini presentò, attraverso i suoi legali, una querela per diffamazione nei confronti di Clemente. La pronuncia del tribunale di Avellino arrivata oggi è relativa a questa querela. Ed il verdetto è in favore dell'ex consigliere comunale visto che il magistratto ha mandato assolto l'imputato perchè il fatto non costituisce reato. Vincenzo Clemente era difeso dall'avvocato Mattia Trofa. “Si tratta di una pronuncia importante, ha spiegato Enzo Clemente, perchè ha evidenziato come da parte mia, nella qualità di consigliere comunale, c'era un diritto di critica e di denuncia rispetto ad una vicenda che, svolgendosi nei locali del comune con il coinvolgimento di donne che erano componenti dello staff del sindaco, non poteva in alcun modo configurarsi come una vicenda privata”.
Enzo Clemente - Antonio Guarino
“Il processo di oggi, rilancia il legale Mattia Trofa, è solo uno tra i diversi processi pendenti nell'ambito della più ampia vicenda processuale che vede quindi imputati per vari reati contro la pubblica Amministrazione l'ex Sindaco Guarino ed i membri della sua Giunta, si è concluso con la piena assoluzione di Clemente al quale quindi è stato riconosciuto di aver solo esercitato all'epoca dei fatti un diritto di 'critica politica', in riferimento alla denuncia-diffusione di fatti peraltro acclarati nella loro veridicità dagli organi inquirenti. La vicenda nota come sexygate ebbe qualche anno orsono ampio risalto mediatico anche a livello nazionale ,alimentando un grande scontro a livello giudiziario e politico”.