amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Bonavitacola: "Area di sviluppo? Direzione giusta per lo sviluppo"

Incontro area di sviluppo
Ambiente, sanità, sviluppo al centro dell'intervento di Fulvio Bonavitacola, vicepresidente della Regione Campania, questo pomeriggio a Solofra per la firma del protocollo d'intesa sull'Area di sviluppo Alto Sarno – Valle dell'Irno. Un patto che mette insieme i comuni di Solofra, Forino, Bracigliano, Calvanico, Pellezzano, Montoro, Fisciano, Baronissi e Mercato San Severino. “La strada è quella giusta, ha esordito Bonavitacola: uscire fuori dai cortili e dai campanili e ragionare in termini di area vasta. Quello raggiunto qui è un accordo importante non solo perché mette insieme comuni della provincia di Avellino e di Salerno ma anche per i contenuti. Si punta su due questioni: l'ambiente ed il ruolo dell'università che in questo territorio sono particolarmente importanti”. E parlando di ambiente inevitabile pensare all'emergenza tetracloroetilene che dal 2014 ha investito i territori di Solofra e Montoro e che fino ad oggi non ha avuto una risposta. Dopo due anni si è ancora nella fase del finanziamento del piano di caratterizzazione della falda acquifera, passaggio preliminare ad ogni ipotesi di bonifica. “Noi abbiamo inserito, sia nella programmazione europea 2014/2020 sia nel patto per il Sud, nell'area tematica ambiente importanti risorse sul tema delle bonifiche. Le risorse saranno disponibili non appena la delibera Cipe darà esecutività al patto per il Sud. C'è però anche la necessità di monitorare le fasi attuative, i soldi sono importanti ma non bastano. Bisogna velocizzare la fase della caratterizzazione, cioè delle analisi, che indubbiamente risente di ritardi a questo punto non più giustificabili”.
 Ed in materia di sanità: “Sono in corso degli incontri con il commissario Polimeni perché il piano sanitario coniughi razionalizzazione, qualità ed anche una equa distribuzione territoriale delle strutture perché non vi siano territori lasciati indietro”. Bonavitacola dice la sua anche sul possibile accorpamento delle Asl di Avellino e Benevento: “Non mi pare che l'accorpamento determini una maggiore qualità del servizio né il raggiungimento di maggiori livelli di economia e di risparmio. La sanità dovrebbe essere un punto di incontro tra risparmio e qualità”. E rispetto al patto per l'area di sviluppo il sindaco Michele Vignola: “Noi riteniamo, come comuni, di essere in un'area strategica tra Avellino e Salerno e vogliamo sfruttare questa nostra potenzialità. La retroportualità di Salerno, la linea ferroviaria, l'autostrada ci devono vedere protagonisti. Oggi compiamo un primo passo, abbiamo raggiunto una intesa che non era facile. Abbiamo superato il dogma dell'appartenenza a due province. Quello che deve guidare l'azione dei comuni che sono in questa aggregazione è l'organicità di un progetto al quale come Solofra abbiamo creduto fin da subito”.