amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

Lavoro, si sgonfia l'effetto jobs act: meno contratti e più voucher

Lavoro
Non c'è niente da fare. Il taglio agli incentivi continua a pesare negativamente sui contratti di lavoro a tempo indeterminato targati job act. Nel contempo però crescono i voucher. Due facce della stessa medaglia del mercato del lavoro italiano che proprio non riesce a guarire dalla malattia della flessibilità e del precariato a tutti i costi.
A far suonare per prima il campanello d'allarme era stata l'Istat che aveva evidenziato come a febbraio fosse tornato a salire il tasso di disoccupazione. 11,7%, secondo i dati provvisori dell'Istat, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a gennaio. Un trend negativo ora confermato anche dai dati dell'Inps. Prosegue, infatti, anche in febbraio la contrazione delle assunzioni nel settore privato a seguito del taglio agli incentivi governativi per i contratti stabili. Dopo l'exploit di dicembre 2015, arriva una flessione dei nuovi rapporti di lavoro sia nel complesso (-12% su anno) che, in particolare, a tempo indeterminato (-33%).
A febbraio, i contratti stabili accesi sono stati 94.961 contro i 118.017 di gennaio 2016 e i 141.331 di un anno prima. Guardando la tabella, se si esclude il mese di agosto, i dati sono i peggiori da quando il governo ha introdotto gli incentivi (gennaio 2015) e il nuovo contratto a tutele crescenti (marzo).
"I flussi di rapporti di lavoro nei primi due mesi del 2016 risentono dell'effetto anticipo legato al fatto che dicembre 2015 era l'ultimo mese per usufruire dell'esonero contributivo triennale. In quel mese si sono registrati quasi 400.000 rapporti di lavoro instaurati - attivati o trasformati - con esonero contributivo, pari a quasi quattro volte la media degli 11 mesi precedenti (107.000)", spiega Inps.
La legge di Stabilità 2016 ha ridotto al 40% per un biennio (da tre anni) e fino ad un limite di 3.250 euro (da circa 8.000) lo sgravio contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato e le trasformazioni di rapporti a termine di lavoratori che, nei sei mesi precedenti, non hanno avuto contratti stabili.
Nel primo bimestre, il saldo tra assunzioni e cessazioni è positivo per 167.000 unita, ma inferiore al +244.000 di un anno fa. Anche in questo caso lo scarto, nota Inps "è totalmente attribuibile alle posizioni di lavoro a tempo indeterminato".
La vendita di voucher è stata pari in gennaio-febbraio a 19,6 milioni, con un aumento annuo del 45%.