amazon

Primo Piano

Asilo di Solofra, violenza sessuale: Procura non presenta appello contro la sentenza che ha assolto il maestro

La Procura della Repubblica di Avellino ha deciso di non presentare appello contro la sentenza del gup Marcello Rotondi, con la quale aveva assolto il maestro dell'asilo di Solofra, Gerardo De Piano, accusato di violenza sessuale sui bambini della scuola. Un passaggio giudiziario importante, per De Piano e per l'avvocato Gaetano Aufiero, che lo difende, perché significa che il maestro di religione potrà archiviare definitivamente la sua brutta vicenda. Resta in piedi il procedimento per maltrattamenti, sia per lui che per gli altri insegnanti.

amazon

D'Acunto (Fp Cgil): "Chiusura punto nascite di Solofra, una cosa incredibile"

Marco D'Acunto, Fp Cgil
Marco D’Acunto segretario provinciale della Funzione Pubblica Cgil boccia il nuovo piano sanitario così come si sta delineando per la provincia di Avellino. “Si tratta di un piano che penalizza ulteriormente il territorio della provincia e l’attività territoriale”. Tre i punti che impensieriscono: il binomio “Rummo” di Benevento e “Moscati” di Avellino, l'inserimento nella rete delle emergenze delle strutture private e la chiusura del punto nascita a Solofra.
“I numeri della neurochirurgia del nosocomio sannita sono superiori a quelli di Avellino. Da dove si ricava che due reparti gemelli in un bacino di 700mila abitanti rimarranno aperti entrambi?”. Il rischio ovviamente è che il reparto di neurochirurgia del Rummo possa sopravanzare quello del Moscati e dunque decretarne la chiusura definitiva. Per quanto riguarda invece la collaborazioni con le strutture private, in particolare con la clinica Montevergine, specializzata in cardiologia e cardiochirurgia: “Si concede una pericolosa apertura ai privati. Mi chiedo se questo servizio sarà a pagamento. E se lo sarà avverrà ad un prezzo molto alto”. Il punto più drammatico sul quale, però, ha ragionato D’Acunto è la chiusura del punto nascite a Solofra. Una decisione devastante per i tanti utenti che si servono di questo ospedale. “È una cosa incredibile”, ha dichiarato D’Acunto, aggiungendo: “Non dimentichiamoci che a pochi chilometri hanno fatto chiudere il punto nascite della “Santa Rita”. La Malzoni non ha l’accreditamento, ma intanto si fanno chiudere due punti nascita uno pubblico e uno privato”. (Fonte tusinatinitaly.it)

Leggi anche : Nuovo piano ospedaliero, ecco la bozza preliminare. E per Solofra non si mette bene !