Primo Piano

"Ospedale Landolfi, ai cittadini non serve la demagogia di qualche sindaco imbecille"

Il consiglio comunale sull'ospedale Landolfi di Solofra conclusosi con la riaffermazione di un secco "no" alla chiusura del pronto soccorso così come stabilito dall'ultima delibera della giunta regionale. Oggi arriva la risposta del governatore della Regione Campania che rimette in riga qualche "sindaco imbecille" e di chi "pensa di fare voti sulla pelle dei cittadini". "Il 30 giugno definiamo gli atti aziendali con le nuove funzioni che destiniamo anche all'ospedale di Solofra, ha detto il governatore nella sua consueta diretta Facebook del venerdì. A Solofra avremo la procreazione medicalmente assistita. Realizziamo un day surgery cioè una struttura per la piccola chirurgia. La grande chirurgia va al Moscati, non per cattiveria ma semplicemente perchè in questo modo si salva la vita delle persone. Perchè un conto è fare demagogia e dire imbecillità. Un altro conto è mandare in un reparto un cittadino che ha un problema serio ed anzichè m

VIDEO - Fiume Sarno, un problema che non interessa i sindaci

Fiume Sarno
“I sindaci assenti oggi sono responsabili dello scempio ambientale del fiume Sarno”. Una infuriata Brigida Marra, delegata alla Sanità del comune di Scafati, commenta così le tante assenze arrivate in risposta all'invito a partecipare ad un incontro sull'inquinamento del fiume Sarno. Ed in effetti di amministrazione la scorsa sera di comuni presenti ce ne erano davvero pochi. Trentanove gli inviti partiti. Solo sei gli enti che ieri sera erano presenti nella sala consiliare: Pompei, Pimonte, Montoro (c'erano il sindaco Mario Bianchino ed il delegato all'ambiente Oscar Giannattasio), Solofra (c'era il presidente del consiglio comunale Pasquale Gaeta), Casola oltre ovviamente al comune di Scafati. Assenti i comuni del salernitano. “Chi non è qui adesso, ha sbottato la consigliera Barra, per quanto mi riguarda è responsabile dello scempio ambientale del quale è vittima il fiume Sarno”. Ed ancora. “Per quanto ci riguarda l'obiettivo resta la salvaguardia del diritto alla salute ed un corso d'acqua avvelenato che aattraversa i nostri territori è una minaccia alla salute dei cittadini che non è possibile tollerare. Quello che vogliamo è un incontro con i ministri della salute e dell'ambiente ma perchè questo avvenga è necessario che tutti i sindaci facciano sentire la loro voce”.

amazon