Primo Piano

"Ospedale Landolfi, ai cittadini non serve la demagogia di qualche sindaco imbecille"

Il consiglio comunale sull'ospedale Landolfi di Solofra conclusosi con la riaffermazione di un secco "no" alla chiusura del pronto soccorso così come stabilito dall'ultima delibera della giunta regionale. Oggi arriva la risposta del governatore della Regione Campania che rimette in riga qualche "sindaco imbecille" e di chi "pensa di fare voti sulla pelle dei cittadini". "Il 30 giugno definiamo gli atti aziendali con le nuove funzioni che destiniamo anche all'ospedale di Solofra, ha detto il governatore nella sua consueta diretta Facebook del venerdì. A Solofra avremo la procreazione medicalmente assistita. Realizziamo un day surgery cioè una struttura per la piccola chirurgia. La grande chirurgia va al Moscati, non per cattiveria ma semplicemente perchè in questo modo si salva la vita delle persone. Perchè un conto è fare demagogia e dire imbecillità. Un altro conto è mandare in un reparto un cittadino che ha un problema serio ed anzichè m

Tra maggio e giugno sarà crisi idrica. L'allarme di Acs ai gestori

Acqua
L'Alto Calore avvisa i gestori del servizio idrico della provincia di Avellino e di Benevento circa l’ipotesi di una grave carenza dell’acqua nei prossimi mesi. Con una nota inviata alle due prefetture di Avellino e Benevento, alla Regione Campania, ai Comuni sanniti e irpini e ai soggetti gestori (Alto Calore Servizi, Gesesa, Irno Service, Consorzio Consorzio Acquedotto Tra I Comuni di Fragneto Monforte e Fragneto L’Abate e Acquedotto Pugliese), l’autorità d’ambito spiega: “Stante ormai la acclarata carenza di eventi meteorici e nevosi della pregressa stagione autunnale, il rischio dell’instaurarsi di una crisi idrica si fa sempre più reale”. Maggio-giugno il possibile picco di crisi. L'invito ai gestori: “Si rende necessario predisporre per tempo un piano operativo che fronteggi in limiti realistici l’insorgere della crisi. E’ indispensabile che i gestori sulla scorta dei dati storici e in rapporto alla entità degli eventi meteorici prefigurino e proiettino la situazione di disponibilità della risorsa idrica, sia in rapporto alle sorgenti profonde, indicando anche quali delle fonti risultano monitorate e quali invece siano semplicemente stimate, ed esponendo nel contempo la capacità di emungimento in rapporto all’andamento della piezometrica negli ultimi 24 mesi”. “Occorre indicare opportuno piano operativo con il quale fronteggiare l’emergenza, esponendo anche ipotesi e necessità tecnico finanziarie per interventi utili a garantire l’erogazione del servizio su basi omogenee per tutta la popolazione, evitando turnazioni che superino le 12 ore. Evitare, inoltre, di prospettare ipotesi di realizzazione di interventi che comportino oneri finanziari eccessivi e tempi di esecuzione delle opere non compatibili con i tempi previsti per l’instaurarsi della crisi (maggio-giugno) rinviando il problema della realizzazione di interventi risolutivi necessariamente a fasi successive connesse all’individuazione del soggetto gestore di cui alla recente legge regionale 15 del 2015”.

amazon