Primo Piano

"Ospedale Landolfi, ai cittadini non serve la demagogia di qualche sindaco imbecille"

Il consiglio comunale sull'ospedale Landolfi di Solofra conclusosi con la riaffermazione di un secco "no" alla chiusura del pronto soccorso così come stabilito dall'ultima delibera della giunta regionale. Oggi arriva la risposta del governatore della Regione Campania che rimette in riga qualche "sindaco imbecille" e di chi "pensa di fare voti sulla pelle dei cittadini". "Il 30 giugno definiamo gli atti aziendali con le nuove funzioni che destiniamo anche all'ospedale di Solofra, ha detto il governatore nella sua consueta diretta Facebook del venerdì. A Solofra avremo la procreazione medicalmente assistita. Realizziamo un day surgery cioè una struttura per la piccola chirurgia. La grande chirurgia va al Moscati, non per cattiveria ma semplicemente perchè in questo modo si salva la vita delle persone. Perchè un conto è fare demagogia e dire imbecillità. Un altro conto è mandare in un reparto un cittadino che ha un problema serio ed anzichè m

De Luca scrive alla Lorenzin: "Sul Piano ospedaliero serve una proroga"

Vincenzo De Luca
Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha inviato una lettera al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, chiedendo una proroga per la presentazione del Piano Ospedaliero. Per domani inoltre è stata convocata una riunione con i Commissari di governo sulle intese raggiunte con le strutture private convenzionate e le associazioni dei disabili. Il governatore De Luca, si legge in una nota, terrà ferma la linea seguita finora per la chiusura dei contratti in maniera ragionevole e rispettosa, definendo le prestazioni che le strutture dovranno erogare. “Caro ministro – si legge – ritengo mio dovere sottoporre alla tua attenzione la delicatissima situazione della Campania, in relazione alla scadenza di oggi, 29 febbraio, per la trasmissione al ministero della quantificazione del personale necessario per i servizi essenziali e della proposta di Piano ospedaliero regionale. Come è noto, il Commissario di governo è stato nominato da poche settimane. Non c’è stato il tempo neanche di consultare, come previsto per legge, le organizzazioni professionali e sindacali sulla proposta di riorganizzazione”. “In queste condizioni, qualunque proposta sarebbe improvvisata e disastrosa per le conseguenze che produrrebbe sul personale, sugli utenti e sulle comunità. Ritengo indispensabile che si decida, da parte del ministro, una proroga per la presentazione da parte del Commissario, del Piano ospedaliero regionale”.

amazon