amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Droga ad imprenditori e professionisti. Due in carcere

Polizia
Ti conosco mascherina. Solo che la mascherina in questione era solita cedere dosi di cocaina a professioni ed imprenditori di Avellino e provincia. Una fiorente attività di spaccio che è stata bloccata dagli agenti della Squadra mobile di Avellino. Oggi è stata data esecuzione a tre ordinanze di custodia cautelare di cui due in regime di custodia carceraria ed una in regime di sottoposizione all’obbligo di presentazione alla P.G., emesse da Tribunale di Avellino, in ordine al reato di detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti.
A finire nei guai una donna di 51 anni e di un 28enne, entrambi di Avellino, mentre il destinatario del provvedimento di sottoposizione all’obbligo di presentazione si è reso irreperibile. Gli indagati erano soliti spacciare in prossimità di locali di intrattenimento e di pubblico ritrovo dislocati in città. Il modus operandi era sempre diverso. I proventi dell’attività si aggiravano intono ai 500 euro giornalieri ed ogni singola dose veniva venduta tra i 60/80 euro. La donna tratta in arresto, già nota alle Forze di Polizia, è stata immortalata proprio mentre cedeva lo stupefacente in abiti carnevaleschi in atteggiamenti provocatori e scherzosi. L’altro arrestato era solito raggiare gli acquirenti cedendo eroina al posto di cocaina, anche a prossimi congiunti, incurante delle minacce che riceveva poiché la sostanza venduta era di scarsa qualità.