amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Carambola mortale sul Raccordo Sa-Av. Condannato per omicidio colposo il conducente dell'auto

Tribunale di Salerno
Ha rimediato una condanna a quattro anni per omicidio colposo il giovane di Sala Consilina che nell'agosto del 2011 era alla guida dell'Audi rimasta coinvolta in un incidente nel quale persero la vita due ragazze di diciotto anni di Mercato San Severino. Il fatto si verificò allo svincolo di Fisciano del raccordo autostradale Salerno-Avellino. Per il pubblico ministero Giovanni Paternoster il giovane è responsabile di aver tenuto una condotta contraria sia alle più elementari regole di diligenza, perizia e prudenza, sia alle norme imposte dal codice della strada”.
I fatti risalgono all'agosto del 2011. Nella notte tra il 2 ed il 3 agosto R.V. era alla guida dell'Audi a bordo della quale viaggiava in compagnia di Saveria Ingenito, Letizia Gammella e un altro giovane di Pagani. Stavano ritornando a casa. Ad un tratto il giovane perse il controllo del veicolo andando a schiantarsi contro contro un totem pubblicitario posizionato nei pressi dell’uscita autostradale di Fisciano. Secondo quanto appurato le cause dell'incidente dovevano essere ricercata nella elevata velocità di marcia dell'autovettura. L'Audi procedeva a circa 100 chilometri orari in un tratto di strada dove era obbligatori tenere una andatura entro il limite di cinquanta chilometri orari. Per di più il veicolo aveva effettuato una manovra azzardata di sorpasso. L'impatto che derivò da questo mix di fattori fu violentissimo. Per le due ragazze, sedute sul sedile posteriore dell'autovettura non ci fu nulla da fare. Il conducente e l'amico che gli era seduto accanto, invece, furono salvati dalle cinture di sicurezza e dall'airbag. Ieri il giudice monocratico ha condannato il giovane di Sala Consilina ad una pena di quattro anni per omicidio colposo. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a cinque anni.