Primo Piano

"Ospedale Landolfi, ai cittadini non serve la demagogia di qualche sindaco imbecille"

Il consiglio comunale sull'ospedale Landolfi di Solofra conclusosi con la riaffermazione di un secco "no" alla chiusura del pronto soccorso così come stabilito dall'ultima delibera della giunta regionale. Oggi arriva la risposta del governatore della Regione Campania che rimette in riga qualche "sindaco imbecille" e di chi "pensa di fare voti sulla pelle dei cittadini". "Il 30 giugno definiamo gli atti aziendali con le nuove funzioni che destiniamo anche all'ospedale di Solofra, ha detto il governatore nella sua consueta diretta Facebook del venerdì. A Solofra avremo la procreazione medicalmente assistita. Realizziamo un day surgery cioè una struttura per la piccola chirurgia. La grande chirurgia va al Moscati, non per cattiveria ma semplicemente perchè in questo modo si salva la vita delle persone. Perchè un conto è fare demagogia e dire imbecillità. Un altro conto è mandare in un reparto un cittadino che ha un problema serio ed anzichè m

Falsi incidenti, denunciati quattro pregiudicati

Carabinieri
I Carabinieri della Stazione di Montoro Superiore, a termine di una corposa attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dott. Rosario Cantelmo, finalizzata al contrasto del fenomeno delle truffe ai danni di società assicurative, hanno deferito in stato di libertà quattro pregiudicati, residenti tra i comuni di Montoro e Solofra, di età compresa tra i 35 ed i 55 anni.
I militari hanno acquisito presso una nota agenzia di assicurazione, la documentazione inerente un sinistro stradale verificatosi a Montoro alcuni mesi addietro: verificando le varie dichiarazioni ed effettuando un riscontro con le dinamiche degli incidenti, hanno riscontrato diverse anomalie. Sono emerse dichiarazioni contrastanti e non compatibili con la dinamica dell’incidente. A termine delle attività si appurava che i quattro soggetti suindicati, avevano inscenato un sinistro stradale, riuscendo ad ottenere un ingiusto risarcimento ai danni della compagnia assicuratrice per circa 10mila euro. Per i quattro, ritenuti responsabili del reato di truffa all’assicurazione, è dunque scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria. Numerosa documentazione in possesso dei malfattori è stata posta sotto sequestro.

amazon