Primo Piano

“Senza blocco dei licenziamenti in Irpinia 8mila esuberi. Rischia anche Solofra”

L’emergenza economica e sociale. “Se non sarà prorogato il blocco dei licenziamenti, in Irpinia si conteranno circa 8mila esuberi. Un dramma nel dramma che non potremo sopportare”.

Gioco d'azzardo, fra i giovani è allarme dipendenza

Gioco d'azzardo
Fra i giovani è più alto il rischio della dipendenza da Gioco d'azzardo. E' quanto emerge da uno studio condotto nell'ambito del progetto "Liberi di.. Liberi da.." finanziato dalla Regione Campania e che ha avuto come fulcro l'Associazione Punto Giovani Onlus di Serino. Il giorno 4 Dicembre alle ore 10.30 presso il circolo della stampa di Avellino sito in Corso Vittorio Emanuele, saranno presentati i risultati finali di tale progetto. Il profilo generale del giocatore risulta essere giovane, maschio, con competenze informatiche, di ceto medio alto, con strette frequentazioni amicali. Fra i risultati emersi attraverso i resoconti degli esperti dal loro lavoro di osservazione partecipante, si evince che il gioco d’azzardo è molto diffuso e praticato anche fra gli studenti. Secondo i dati di uno studio sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Italia (Telefono Azzurro ed Eurispes, 2012) "I giochi d’azzardo che attraggono maggiormente i ragazzi sono le scommesse sportive (44%), mentre il poker Texas Hold’em attrae quasi un adolescente su 3 (il 32,3% dichiara di avervi giocato). Alla domanda “Qual è stato il motivo principale che ti ha spinto a giocare?”, il 31, 6% dei ragazzi intervistati dichiara di farlo “per puro divertimento”, il 23,9% è stimolato dalla possibilità di vincere denaro, mentre la pubblicità ha influenzato solo il 10%. L’8,2% infine, gioca per emulare amici e parenti. Lo spirito emulativo, tuttavia, è più caratteristico dei 12-15enni, mentre i ragazzi più grandi sono maggiormente attratti dal divertimento o dalla vincita di denaro. Quasi uno su dieci, però, gioca perché attratto dalla pubblicità. Le cifre appena riportate sul gioco d’azzardo sono sintomo di un disagio che si sta allargando. I luoghi dove si pratica il gioco d’azzardo con soldi veri sono aumentati in modo considerevole, raggiungendo contesti frequentati dai giovani (sale giochi, tabacchi e bar) nei quali non sempre sono controllati i dati anagrafici. D’altra parte, l’utilizzo di internet rende facile anche per i più piccoli l’accesso a spazi virtuali in cui venire a contatto con queste tipologie di gioco, molto attraenti ma altrettanto rischiose.

amazon