Primo Piano

“Senza blocco dei licenziamenti in Irpinia 8mila esuberi. Rischia anche Solofra”

L’emergenza economica e sociale. “Se non sarà prorogato il blocco dei licenziamenti, in Irpinia si conteranno circa 8mila esuberi. Un dramma nel dramma che non potremo sopportare”.

Canapa industriale ok alla proposta del Movimento 5 stelle. Anche l'Irpinia spera

Canapa industriale
Via libera alla Camera alla proposta di legge di cui è prima firmataria Loredana Lupo del M5S. L'obiettivo: agevolare lo sviluppo, in Italia, della filiera produttiva della canapa industriale, un settore molto fiorente in passato ma rimasto vittima, negli ultimi decenni, di vincoli e proibizionismo. La proposta è stata approvata quasi all’unanimità dalla Commissione Agricoltura della Camera. La canapa è un materiale estremamente versatile, che trova applicazione in numerosi settori, rivelandosi spesso una valida alternativa a prodotti sintetici e inquinanti.
Due le novità sostanziali della proposta: lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per rilanciare in tutta Italia la filiera della canapa industriale, con la costruzione di nuovi impianti di trasformazione (attualmente nel nostro Paese ne esistono solo due, a Torino e a Taranto). In secondo luogo, la percentuale consentita di Thc, il principio attivo che rende la pianta psicotropa, ma che in natura serve ad aumentarne la resistenza agli attacchi di insetti e microrganismi, viene portata dallo 0,2% allo 0,6%. Una variazione apparentemente minima, ma che tiene conto del fatto che la concentrazione di Thc possa aumentare con il caldo: in questo modo, gli agricoltori del Sud Italia non correranno più il rischio di vedersi sequestrato il raccolto solo perché i loro campi sono maggiormente esposti alla luce del sole. La palla passa ora al Senato dove la proposta potrebbe essere approvata in via definitiva. In Irpinia si guarda con attenzione a questo nuovo settore. A Volturara è nata l'associazione CanapIrpinia che punta alla rinascita di una nuova economia verde che punti sull'alto valore ambientale ed ecologico della canapa. Una coltivazione antica quella della canapa in Italia. Si calcola che nella sola Emilia-Romagna, nel 1910 vi erano 45.000 ettari di terreno coltivati a canapa, soprattutto nel Ferrarese, mentre il dato complessivo di tutta Italia portava la superficie a 80.000 ettari. La coltivazione andò in crisi per la concorrenza, negli usi meno nobili soprattutto produzione di sacchi, della juta e successivamente del cotone e delle fibre sintetiche. Nel 1975 il settore fu del tutto abbandonato.

amazon