amazon

Primo Piano

Montoro, pusher in manette. Sequestrati 9 grammi di eroina

Montoro, i carabinieri arrestano uno spacciatore e denunciano acquirente. Le manette sono scattate ai polsi di un 40enne del posto, denunciato in stato di libertà un incensurato 35enne della provincia di Salerno, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. I militari, hanno notato i due soggetti seduti al tavolo di un bar e, dopo averne scrutato i movimenti, li hanno bloccati nel momento in cui è stata ceduta la droga. Sequestrate 14 dosi di eroina e 165 euro in contanti. Nella perquisizione domiciliare, nascosta in camera da letto del 40enne, trovata altra eroina.  La droga, per un peso complessivo di circa 9 grammi, è stata sottoposta a sequestro. Il 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, sottoposto ai domiciliari. Alla medesima Autorità Giudiziaria è stato invece deferito in stato di libertà il 35enne.

amazon

Alla Marcia, I sindaci: "Solofra è il punto di partenza". I conciatori: "Ci sentiamo offesi"

Marcia contro l'inquinamento
Quattordici punti per combattere l'inquinamento del Sarno e dei suoi affluenti. Questa mattina i partecipanti alla marcia hanno firmato una lettera aperta indirizzata al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Governatore della Regione Campania.
Si chiede il censimento delle condotte e degli scarichi della rete fognaria e dei pozzi, sia aziendali che civili; Verifica ed obbligo di collegamento di tutte le aziende al depuratore consortile; Adeguamento dimensionale ed ammodernamento dei depuratori; Monitoraggio puntuale tra acqua in entrata e reflui conferiti al depuratore da parte delle aziende;  Realizzare una rete di monitoraggio strategico ambientale (aria, acqua e terra) che, collegata in tempo reale ad un sistema centrale, permetta interventi repentini per arginare tutte le problematiche che dovessero insorgere a valle di Solofra. Manutenzione ordinaria e straordinaria del reticolo idrografico;
 Ampliamento del Parco Regionale del Sarno in modo che inglobi anche Cavaiola e Solofrana; Istituzione del Santuario dell’Acqua del Bacino del Sarno; Intensificazione dei controlli da parte degli enti preposti con adeguamento del potere sanzionatorio con l’implementazione di un presidio fisso del Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri a Solofra; Caratterizzazione di terreni ed acqua con programmazione dei fondi necessari per le attività di bonifica e riqualificazione; Monitoraggio delle falde; Controllo sui prodotti semi lavorati proveniente da paesi esteri dove è ancora altamente usato cromo esavalente.  Eliminazione progressiva dalla produzione di composti chimici pericolosi e dei pesticidi dall’agricoltura, riducendo, quanto più possibile, i processi che determinano produzione di diossine e PCB; Partecipare, nella persona dei rappresentanti di comitati ed associazioni in campo, ai tavoli di confronto ed essere parte attiva di qualsiasi decisione.