Primo Piano

Green Pass obbligatorio dal 6 agosto, ecco cosa si può fare e cosa no

Green pass obbligatorio dal prossimo sei agosto. Il governo ha approvato le nuove regole. La certificazione deve essere mostrata da tutti i cittadini di età superiore ai 12 anni. Sono esentati “i soggetti che hanno idonea certificazione medica”.

Solofra, piove e il torrente diventa una cloaca

La Solofrana, oggi
Sono bastati pochi minuti di pioggia perchè si ripetesse lo stanco, immutabile riturale degli sversamenti abusivi nel letto della "Solofrana".Pochi minuti di pioggia e nel torrente è finito di tutto.
Una marea nera, densa e maleodorante ha incominciato a scorrere nel canalone cementificato che costeggia il depuratore industriale della cittadina conciaria. L'acqua, se così la si può definire, dopo un salto finisce nel letto del fiume attraversando il territorio di Chiusa, nell'area del Piano di insediamento produttivo del comune di Montoro, per poi toccare la frazione Torchiati, quella di San Pietro, Piano e via fino a Mercato San Severino ed ai comuni del salernitano. Uno sversamento abusivo ed a testimoniarlo oltre al colore innaturale dell'acqua anche un odore acre che si è levato in tutta la zona a ridosso del torrente e che ti stringe alla gola e ti fa pizzicare gli occhi. Una scia nera e maleodorante che è stata notata da Carmine De Maio, responsabile cittadino della Filctem Cgil. Il buon De Maio si è dato da fare per segnalare quanto stava accadendo. Carabinieri, vigili urbani, i sindaci di Solofra e Montoro. Chiunque in qualche modo potesse intervenire e quantomeno certificare lo scempio che si stava consumando. L'inquilino di palazzo Orsini ha dato incarico alla polizia municipale ed al personale del Codiso spa di effettuare tutti gli accertamenti del caso per provare a rintracciare lo sversamento abusivo. Intanto il tempo passava, il fiume nero non si arrestava ma in compenso avanzava la sera. La visibilità è diminuita e questo non ha fatto altro che complicare la vita degli operatori.
La Solofrana oggi
Il responsabile della Filctem dal canto suo: "E' incredibile come nonostante l'emergenza ambientale che questo territorio sta vivendo ci sia ancora chi crede giusto aggirare le norme pur di avere un minimo vantaggio competitivo. Quando si è incominciato a parlare di tetracloroetilene nella falda acquifera di Montoro e Solofra il segretario della Filctem Franco Fiordellisi tirò in ballo la 'terra dei fuochi' episodi come quello di questa sera testimoniano che quel paragone non era affatto azzardato". Per parte mia mi sono ritrovato a pensare che abbiamo numeri verdi per qualsiasi cosa ma non si è mai pensato di mettere in piedi un servizio analogo mettendo insieme personale, a ciò deputato di Solofra e Montoro. Rintracciare uno scarico abusivo richiede tempestività di intervento ma se quando gli inquinatori aprono i rubinetti ci si attarda in una miriade di telefonate a sindaci, polizia municipale, codiso e chi più ne ha ne metta, così come ha fatto Carmine De Maio, allora si corre il rischio di sprecare tempo prezioso. I sindaci dunque, che pure hanno dato vita al consiglio comunale congiunto sui temi ambientali, potrebbero partire dall'istituzione di un numero verde e di una squadra congiunta per provare a rendere la vita difficile agli inquinatori.
Così tanto per fare qualcosa!

amazon